Pangoccioli fatti in casa senza zucchero, per la serie "Non li compro più"

Anche se seguo la regola di andare a fare la spesa a stomaco pieno per evitare acquisti di pura golosità, ogni tanto sugli scaffali vedo delle cose di cui mi viene voglia. Ho però ormai l'abitudine di guardare spesso le etichette; non tanto la tabella nutrizionale, quanto l'elenco degli ingredienti.
Questa mia abitudine, molto spesso, mi porta a lasciare sugli scaffali la voglia del momento e ad allontanarmi con cautela dalla corsia, manco dovesse esplodere da un momento all'altro.

Non lo dico perché credo si debba essere fissati nel mangiare solo genuino (sono molto lontana da ciò, ahimé!), non fraintendermi, ma perché molto spesso sulla confezione e negli slogan vengono riportate cose fuorvianti che non rispecchiano il prodotto che alla fine andremo a comprare.

Un esempio? I buondì integrali.



Ah! Quante signore ho visto al supermercato comprare i buondì nella versione integrale, convinte fossero delle merendine salutari, o ancor peggio: "dietetiche". Una rapita occhiata agli ingredienti, con magari una comparazione alla versione originale le avrebbe fatte desistere. Non sono nulla più che delle classiche merendine con un'aggiunta risibile di crusca.

Ecco, io guardo gli ingredienti perché non voglio essere presa in giro e voglio sapere quel che mangio. E, molto spesso, per sapere quel che mangio arrivo alla conclusione di dovermelo preparare da me.


E' chiarissimo che ho il tempo e la voglia di poterlo fare e che se lavori full time o hai una vita poco più frenetica della mia non riuscirai spesso a imitarmi, ma trovo che ogni tanto sia soddisfacente prendersi del tempo per sé per coccolarsi e impastare! Così sono nati questi panini dolci con tante gocce di cioccolato, che sono state la nostra gradita colazione per qualche giorno.

E' una versione ovviamente più "leggera" di un pan-brioche che contiene il minimo indispensabile di grassi e zuccheri aggiunti ma ugualmente libidinosa. Ho impastato a mano senza alcun problema, ma puoi usare anche la planetaria con lo strumento "gancio" e seguire il procedimento a cui sei più abituata. Fammi sapere se anche a te piace riprodurre i prodotti industriali, e se hai una ricetta infallibile che ti ha permesso di dire "non li compro più!".




Ingredienti per i miei
PANGOCCIOLI del Mulino Bianco
(per circa 6 panini dolci)

150 gr di farina Manitoba
150 gr circa di farina 00
1 uovo medio
100 ml di latte
50 gr di burro vegetale o 30 ml di olio
8 gr di lievito di birra fresco
2 cucchiai di miele
1/2 arancia (scorzette)
30 gr di gocce di cioccolata
sale



  1. Metti le gocce di cioccolato in freezer e prepara il lievitino sciogliendo il lievito nel latte tiepido con un pizzico di zucchero e la farina Manitoba. Impasta e lascia "maturare" per un'oretta.
  2. Quando il lievitino è raddoppiato comincia ad aggiungere l'uovo, il miele e la farina e lavora bene.
  3. A incordatura quasi avvenuta (basterà lavorare una decina di minuti su un tavolo di marmo o plastica) aggiungi anche il burro morbido e le scorzette d'arancia, infine le gocce di cioccolata e il pizzico di sale. La quantità di farina è sempre indicativa, regolati sentendo l'impasto con le mani: se è appiccicoso aggiungine ancora poca, al contrario, invece, smetti di aggiungerne.
  4. Sposta l'impasto in una ciotola e lascia lievitare nel forno spento per due ore.
  5. A lievitazione completata forma dei panini di circa 70/80 gr l'uno, poggiali su una teglia rivestita di carta forno e coprili per un'altra mezz'oretta. Nel frattempo accendi il forno a 180°.
  6. Prima di infornare puoi spennellare i pangoccioli con un po' di tuorlo d'uovo e latte, ma io li ho lasciati al naturale. Cuociono una quindicina di minuti!



Fammi sapere se questa ricetta ti è piaciuta, e se ti va condividi post!
Vienimi a trovare su FacebookInstagramETSY o Youtube.
Sarò felice di ricambiare il saluto!